sabato 19 maggio 2018

La bilancia dei Mondi divisi al Salone internazionale del Libro 2018

Cari amici del web,

avevo pensato di farvi una bella cronaca dei giorni trascorsi al Salone Internazionale del libro, ma fare l'elenco di ciò che è accaduto, è riduttivo. (Trovate i dettagli sul mio profilo Gioviale Concesion)
Quindi eccomi qui che, ancora una volta, lascerò fare al cuore. Lui è sempre sincero e non sbaglia mai.
Prima di partire ero disillusa, troppe cose sbagliate, troppe persone sbagliate in questa vita che ancora non sento completamente mia, un po' perché la mia indole mi porta ad amare il mondo intero, un po' perché ogni tanto inciampo perché sono distratta e un po' perché nutro tanta speranza nell'essere umano.
Tornare alla vita di tutti i giorni è stato un grande trauma. Nonostante lo sforzo fisico che faccio qui a Roma sia molto ridotto, sarei rimasta volentieri a Torino, a fare quello che ho fatto, nonostante le caviglie a fine giornata quasi non le sentivo più.
Quando descrivo questo a colleghi di lavoro credono e vedono la cosa con molta superficialità. Non comprendono che il mondo dell'arte può davvero salvarti la vita. Non risolve i problemi quotidiani, ma guarisce la malinconia, la tristezza, l'insoddisfazione, il male che si ha nel petto.
Sono sinergie che cominciano e non terminano mai. Restano chiuse nel cuore anche se non ci si vede spesso.
Ci sono artisti e artisti. C'è quello che sogna di diventare ricco e farsi un nome, quello che è innamorato di questo mestiere e vive di questo e quello che la scrittura e la lettura gli hanno salvato la vita. Un po' come me. Un po' come... beh no, aspettate. Ci arrivo tra un po'. 
Se sono partita da Roma che il cuore esplodeva e faceva male per problemi di salute e anche sentimentali, sono poi rientrata con uno nuovo di zecca e il merito è delle persone che ho avuto accanto e che desidero restino. Una strada a doppio senso dove si intersecano vite e sentimenti unici e speciali che ti arricchiscono e fanno di te una persona migliore.
Ormai è un anno e poco più che faccio fiere e un anno che conosco persone, che ho uno stretto contatto con i miei amati lettori e che la vita mi continua a donare persone meravigliose. Un anno che dico al mio amico Gianluca "Questa è l'ultima Gian" e poi, due giorni dopo siamo lì su whatsapp a parlare di quella successiva. Perché non ce la fai, non ce la fai a rinunciare ai sorrisi, agli abbracci, ai baci, alle parole sincere di chi comprende quello che hai dentro l'anima. Non ce la fai perché la quotidianità ti porta a correre, distrarti, stancarti e il cervello in automatico si spegne. Quello che ho trovato a Torino è stata una magia che credo si possa portare con noi ogni giorno della nostra vita, se solo si vedessero le cose come realmente sono. Se solo non ci soffermasse sul proprio benessere e basta, se solo ci si aprisse un po' di più all'altro e se solo si volesse dare l'importanza corretta alle piccole cose. Perché sono quelle che rendono il viaggio davvero piacevole. Avere degli obiettivi è importante, ma lo è ancora di più la strada che si percorre. E, io, sono davvero fortunata in questo.
Il salone mi ha portato tanti lettori, tante persone hanno ascoltato la mia storia e quella di Sara. Con grande interesse. Dopo anni in cui mi sono sentita piccola, piccola. In cui il mondo mi ha messo da parte, in cui pensavo di valere meno di niente, dove nessuno mai mi ascoltava veramente, ho trovato chi lo ha fatto davvero e mi ha dato il giusto valore. Non ne faccio un vanto, ma questo mi riempie davvero il petto di gioia, una gioia così grande che non so contenere, ne controllare. Sono contenta di essere stata la ragazzina strana che si isolava dal mondo. Perché? Perché mi ha condotto a questo. 
Le gioie di questa fiera sono state tante, in primis senza Emiliano probabilmente starei a casa a parlare di sogni, invece di realizzarli. Lui è la mia ciliegina sulla torta. Quindi lui è una gioia di quelle che porterò sempre con me. Per piacere, ma anche per forza... altrimenti la saga non continua eh.
L'altra grande grande gioia è stato Gianluca Villano. Per la persona che è, per il passato che ci accomuna, troppe coincidenze, troppe similitudini. E come si fa a non essere felici quando vuoi così tanto bene a una persona e la vedi fare sold out? No, non si può. E me ne porto ancora gli strascichi positivi. Quelli che ti restano scalfiti nel cuore. Sempre. Perché non dimenticherò mai i suoi occhi colmi di lacrime nel sapere di aver finito i libri. La prima volta. La sua, ma anche la mia. Altra cosa in comune. Il mio sold out successivo al suo. Ci sono tante persone che leggeranno la nostra storia. Di Logren e di Sara Kilshore. Tante persone che oltre a questo scopriranno realmente chi siamo. Un riscatto che ci meritiamo. Dovuto. 
Altra gioia sono stati tre lettori:
"Più guardo questo posto, più me ne innamoro" 
"Tu sei Veronica? Quella de La bilancia dei Mondi divisi?"
"Il vostro stand è diverso dagli altri. Trasmettete allegria. Avete dei bellissimi sorrisi".

Ecco... ho la pelle d'oca. Mentre penso a loro. 
Penso, credo ancora che questo sia un sogno, poi scopro che è reale perché in tanti mi scrivono, altrettanti ne sono stati testimoni. 
Molte, moltissime persone che mi conoscono, pensano che questa cosa della scrittura sia una stupidaggine, ma per me è stata la salvezza. Quindi li ringrazio tutti, uno per uno. Quei lettori che credono in me, ma anche chi non ci crede, perché mi stimola sempre a fare meglio.
La magia di questo gruppo chiamato Oceani di Carta, l’hanno creata Luca e Romina, anche loro fanno parte delle mie piccole gioie. Senza di loro, io e tutto il resto degli autori non saremmo arrivati a questo punto. Quindi il grazie più grande!

A seguire, dopo questo post, condividerò la storia di un bambino che tutti prendevano in giro e quella di una bimba che si isolava dal mondo perché nessuno le credeva.
Questo perché vorrei tanto che serva da esperienza a tutte quelle persone che si trovano e sentono fuori posto. La vita può sembrare ingiusta, ma semplicemente è un percorso che ci aiuta a diventare davvero ciò che meritiamo di essere. Leggete e scrivete tanto, perché è magia e questa porta a realizzare i sogni.

sabato 17 marzo 2018

Katrina Mary Lytton

Di Francesca Cesari
Cari lettori,
oggi vi presentiamo il personaggio chiave de La strega. Il secondo capitolo de La bilancia dei Mondi divisi.




#Prestavolto Alyson Hannigan
#Nome Katrina Mary Lytton
#Età 21 anni
#professione Studentessa in archeologia/ commessa in una libreria magica/ strega/ guardiana degli inferi.


Kattrina Mary Lytton è una studentessa di archeologia con poteri straordinari. Infatti, ha il dono della chiaroveggenza. Con il tempo, ha scoperto che la sua famiglia discende da una stirpe di potenti streghe. Ha cominciato così a praticare arti magiche, sia bianche che nere.
Di origine anglo-germanica, nel tempo libero è commessa in una libreria di arti magiche e se ne va in giro con uno strano gatto rosso di nome Fire.
La sua religione è la Wicca ed entra in scena sin dal primo capitolo del romanzo. Dal futuro, cerca di aiutare Sara. Tra un incantesimo e l'altro si diletta a giocare poker ed è un piccolo genio del computer.
Fidanzata con Jacob. Spesso se ne vanno in giro con il simpatico camper del ragazzo, impegnato in tour musicali.
Le sue armi sono la magia e le pozioni magiche, a volte però le sono fatali: le fanno perdere sangue e sensi.
Persona affidabile e seria, cerca sempre di aiutare Sara e spesso si rivela fondamentale nella sconfitta dei demoni. 







sabato 24 febbraio 2018

Aruna Jindal

Disegno di Francesca Cesari 
Cari lettori,
oggi vi presentiamo Aruna Jindal disegnata dalla bellissima matita di Francesca Cesari (leanan sidhe su facebook)

#Prestavolto Troian Bellissario
#Nome Aruna Jindal
#Età 17 anni
#professione Studentessa del Liceo scentifico Pasteur e stagista c/o Il tempo.

#Biografia

Sara nasce il 4 settembre 1981, ma è orfana. Nasce a Las Vegas, va In India fino al 1995. Poi va in Inghilterra fino al 1999. Vive in India all'interno di un monastero e il suo padre adottivo è Nio. Spesso riceve le visite di un professore inglese di nome Lorence e si allena ogni giorno. Possiede una catena con un ciondolo magico che si trasforma in una spada Khanda. Si innamora del migliore amico di Sara: Daniele Rossini. Spesso è ambigua e misteriosa. Di grande aiuto durante i combattimenti del primo capitolo, ma cambia atteggiamento nel secondo. Come se fosse spaventata e minacciata da qualcuno.

Moloch - Capo degli spirti del fuoco



Nome:Moloch

Razza: Cherubino

Livello di forza: 9

Armatura: si

Arma:fuoco e spada.

Punti deboli: terra e acqua

Punti forza: leggere nel pensiero, terzo occhio

in fronte. Quattro braccia.

Può possedere il corpo altrui

Abilità: sfere di fuoco. Velocità. Forza

Tipologia demone: fuoco

Simbolo: stella con all'interno una fiamma

Capo degli spiriti del fuoco, spiriti della notte e lingue rosse e spiriti della rivolta. Il suo terzo occhio permette a Satana di vedere i pensieri di tutti. 


domenica 18 febbraio 2018

Tobia e Sara visti da una lettrice

Foto di Francesca Cesari
Oggi il buongiorno ve lo do così: vi racconto una storia bellissima.
Quando sono stata al Lucca Comics & Games, ho incontrato una lettrice compulsiva che ha voluto acquistare una copia de La bilancia dei Mondi divisi. In tanti hanno preso questo romanzo, ma nessuno si era calato nei protagonisti così bene.
Francesca Cesari ha letto la storia tutta di un fiato e ha immaginato i personaggi. Non avrei mai pensato che qualcuno potesse davvero dargli vita. Così oltre a ingaggiarFrancesca Argentati come editor, Michele D'Angelo come illustratore per la copertina, ho deciso di far entrare nel mio magnifico team di scrittura anche lei. Qui su fb la trovate come Leanan Sidhe. Si occuperà delle tavole interne del libro.

Senza queste tre persone i miei libri non sarebbero gli stessi. Intendo portare avanti tutti i miei progetti, portando tutti loro con me. Non sono solo dei talenti e dei professionisti, ma sono appassionati. La passione è fondamentale per far arrivare ciò che vogliamo trasmettere alle persone.
Grazie di cuore a tutti e tre.
Presto una piccola anteprima della copertina del secondo capitolo! 
Qui Sara e Tobia!
Cosa vorrà dire quest'immagine?

Se volete qualche anticipazione, venitemi a trovare il 24 e 25 febbraio al Comicspark di Tivoli!!

lunedì 12 febbraio 2018

Astaroth il demone dell'aria

Immagine presa dal web
Astaroth è il duca degli inferi. Ha un aspetto umano. Una donna. Ha delle cortna bianche, ali grandi e un serpente come migliore amico. Capo degli spiriti d'aria e dell'impurità che dimorano e volano intorno agli uomini. Questi spiriti sono normalmente conosciuti come Arpie. Nate da Satana e un umano o da Satana e un demone. Oppure, possono infettare gli uomini e trasformarli in esseri come loro.



Nome: Astaroth

Razza: Troni/arpia

Livello di forza: 7

Armatura: si

Arma:veleno

Punti deboli: fuoco

Punti forza: ali, artigli, serpenti

Abilità: velenosa, veloce, vola veloce

Tipologia demone: aria

Simolo: stella con all'interno tre spirali