martedì 19 luglio 2016

Vi presentiamo William/Adam - Il vampiro


Oggi vi presentiamo un personaggi che fa parte del mondo del fuoco: William




La bilancia dei Mondi divisi


Il nuovo romanzo di Veronica C. Aguilar in collaborazione con il musicista Emiliano Guiducci

Uscito a Giugno in tutte le librerie italiane

e presto anche in tutto il mondo
Pubblicato da Youcanprint




Oggi vi presentiamo William, ispirato a proprio a "quel" personaggio tanto amato ed odiato di Buffy l'ammazza i vampiri, anche se il suo personaggio è molto, molto diverso. Non potevo che non scegliere James Marster!

Ecco a voi William...

#Prestavolto James Marster
#Nome William/Adam 
#Età indefinita
#professione Vampiro e... e no non ve lo diciamo!

#Biografia

Vi regaliamo un piccolo passo che racconta la sua storia:

Adam, così decisero di chiamarlo la prima volta. Si, perché quella fu la prima di una lunga serie di vite giunte a termine solo nel ventunesimo secolo. Giaceva a terra, in ginocchio, il suo sguardo era rivolto verso le mani sanguinanti, le gocce di sudore si confondevano con quelle delle incessanti lacrime che sgorgavano dai suoi occhi color cielo. Respirava a fatica, tremava, puzzava di morte, non riusciva ancora a credere che ciò che era appena accaduto fosse opera sua. Era giovane e, nonostante gli uomini in principio fossero allo stato brado, la sua famiglia lo aveva istruito bene: uccidere solo per sopravvivere alla fame e solo piccole bestie destinate a morire pochi anni dopo la nascita. Aveva sempre rispettato le regole, fin quando la sua famiglia non fu colpita da una malattia, oggi conosciuta come lebbra, che la portò via in pochissimi giorni. Era il più piccolo di quattro fratelli e non aveva mai cacciato prima, lo avevano sempre fatto gli altri componenti, non sapeva come cominciare, aveva sempre fatto compagnia alla madre in grotta, in attesa che gli adulti tornassero a casa con le ambite prede. La donna era stata l’ultima a morire, aveva inciso su una pietra piatta una stella con al centro una fiamma e gliel’aveva donata in punto di morte.
La vita in quella grotta, che per lui sapeva ancora di famiglia, era fatta di rigide gerarchie e regole ferree, ma dentro la sua testa le domande si affollavano come una mandria impazzita, in fuga dai predatori; perché si nasceva, perché si respirava, perché si moriva? Era una cascata di interrogativi mortificati dalla presenza incessante della sua famiglia, ma che nessuno poteva più arginare.
Si era chiuso in un limbo che lo aveva quasi portato alla pazzia. Aveva deciso di andar via da quel posto e avventurarsi oltre quelle colline che lui per molto tempo aveva chiamato” casa”. Erano stati giorni duri, in cui aveva affrontato anche la fame: in principio, si era nutrito con erbe e frutti selvatici. Durante una sosta aveva notato una donna che correva, si era reso conto che stava cacciando. Pensò che da lei avrebbe potuto imparare molto, così, per alcuni giorni, di nascosto, aveva studiato le sue mosse, ma, nonostante i suoi tentativi di imitarla, le sue prede scappavano sempre.
Erano trascorsi i giorni, erba e frutta scarseggiavano, aveva fame e doveva trovare il modo di nutrirsi. Quella maledetta mattina, come quelle precedenti, aveva deciso di seguirla, sperando di poter imparare mosse nuove per catturare qualche animale, ma, di nuovo, non aveva ottenuto nessun risultato. Aveva gridato per disperazione e la donna era comparsa da un groviglio di rami secchi, sfoggiando sulle forti spalle un cucciolo di renna. In Adam era cresciuto qualcosa di mai conosciuto: un bruciore nato dallo stomaco gli aveva toccato i cardini della testa, le tempie avevano iniziato a battere ribelli, la sua vista si era annebbiata, intorno a lui si era fatto silenzio, i muscoli si erano contratti e il suo istinto animale aveva preso il sopravvento.
Adesso era inginocchiato, stava provando un nuovo sentimento: il senso di colpa. Spostò l’attenzione sul corpo della donna: giaceva a terra privo di vita, accanto a quello della renna che, a fatica, respirava ancora. Si era calmato dopo quello scatto, in cui si era gettato sopra di lei colpendola con la selce una, due, tre, quattro e cinque volte, fino a quando il cuore della stessa non aveva cessato di battere. Aveva tradito le regole della famiglia e adesso si sentiva a disagio.
Si lasciò cadere a terra, sperando che la sua vita cessasse velocemente, ma essa non era destinata a compiersi, non ancora. Passarono alcuni giorni: di fame, di sete, di freddo e di caldo, ma il suo corpo sembrava non voler cedere. Improvvisamente sentì una mano posarsi sul volto, era fredda e bagnata, come se qualcuno lo stesse lavando; si spostò sulla fronte, per poi finire sopra la nuca. Adam provò per un istante un piccolo sollievo. Lentamente riaprì gli occhi e il sorriso di una donna allietò il suo risveglio. Aveva uno sguardo dolce e buono, ma la sua corporatura era forte e robusta. Sulle spalle indossava una sacca, dalla quale si intravedeva la punta di alcune frecce. Doveva essere una guerriera. Gettò a terra la pelle con la quale lo aveva pulito e lo aiutò a sollevarsi.
Il suo nome era Bukola. Lo condusse in un piccolo villaggio lì vicino, la gente del posto accolse la donna come se fosse una divinità, al suo arrivo si chinarono tutti e gli sguardi erano sopra l’uomo, il quale fece di quel luogo la sua casa, per molti anni. In seguito scoprì che la donna era così venerata a causa dei suoi poteri magici: era la shamana della comunità e praticava magia da anni. Adam pensò che tutte le sue domande potessero trovare risposta attraverso le arti magiche, così, quello che prima era un semplice interesse, si tramutò in ossessione: voleva avere il controllo sul passato, sul presente e sul futuro. Con il trascorrere del tempo, cercò di cogliere ogni insegnamento e ogni formula magica dalla shamana, fin quando, una notte d’inverno, dopo aver preso il necessario dalla tenda della donna, si allontanò dal villaggio, correndo verso il bosco. Appena fu lontano dalle luci della comunità, si inchinò a terra disegnandovi un Triskele (tre spirali intrecciate) e pronunciando una formula di cui non si conoscono i dettagli, ma l’incantesimo non funzionò. Il giorno sembrò arrivare in un istante, ma il sole era tramontato da poco; questo disorientò Adam e, poi, quella luce era strana. Si voltò e, alle sue spalle, c’era ancora la notte. Cominciò a correre verso l’oscurità, ma il bagliore sembrava volesse seguirlo. Si arrese voltandosi ancora e, davanti ai suoi occhi, comparve uno scettro fatto di legno di ciliegio con un rubino rosso alla sommità. Assunse una forma umana e quella sagoma aizzò lo scettro verso il cielo; due nuvole si aprirono attraversate da un raggio di sole che toccò la terra, formandovi un cerchio dal quale si materializzarono tre cancelli: uno rosso, uno nero e uno azzurro. Una forza incomprensibile gli impediva la fuga attirandolo lentamente verso il cancello rosso; sentì il corpo divenire una torcia e il penetrante odore di pelo bruciato raggiunse le sue narici. Le fiamme lo avvolsero, lasciando di lui solo un grido spezzato di disperazione.



domenica 17 luglio 2016

Vi presentiamo Tobia Bocci


Vi presentiamo i personaggi de La bilancia dei Mondi divisi: Tobia Bocci



La bilancia dei Mondi divisi


Il nuovo romanzo di Veronica C. Aguilar in collaborazione con il musicista Emiliano Guiducci

Uscito a Giugno in tutte le librerie italiane

e presto anche in tutto il mondo
Pubblicato da Youcanprint







Bene, abbiamo i primi lettori e quindi che ne dite di giocare un po?
Cominciamo noi! Iniziamo con i #prestavolto dei personaggi di #bdmd.
Non ci è stato difficile trovare quello di Tobia Francesca Argentati la nostra editor può confermare!!!!


Oggi vi presentiamo Tobia Bocci, ricordandovi che il romanzo è ambientato negli anni 90!

#Prestavolto : Diego Boneta
#Nome Tobia Bocci
#Età 17 anni
#professione Studente
#Biografia

Tobia nasce in Umbria l’11 marzo 1981, nel primo romanzo è semplicemente uno studente che frequenta l’ultimo anno di liceo, ma è destinato a un futuro ricco di azione e una carriera non semplice.  Dopo la separazione dei genitori, si trasferisce a #Roma con Anna Giacomelli, la madre.
La donna però è spesso fuori per lavoro, in quanto insegna all’università di Napoli e il ragazzo si ritrova spesso solo in casa, imparando così a cucinare, una delle sue passioni.
Non ha grandi problemi economici, poiché il padre, Filippo, possiede molti terreni e nonostante sia lontano, manda tutti i mesi un assegno al figlio, che non è solo, infatti il padre vive insieme al figlio più grande: Francesco.
Senza un motivo preciso, il ragazzo, sin da piccolo viene iscritto a una scuola di arti marziali di cui ne è il maestro Cristiano Passini. Per questo Tobia sviluppa forza e muscoli ben definiti, nonostante la sua giovane età. Ha un carattere deciso e forte e spesso si caccia nei guai. E’ un ribelle e non prende ordini da nessuno, ama infrangere le regole. Ha la passione del calcio e suona in una band.
L’incontro con Sara conferma la sua teoria: il mondo è colmo di strani esseri viventi.

Presto scoprirà di avere dei poteri e comincerà il viaggio per capire chi è in realtà.

giovedì 7 luglio 2016

Prima presentazione de La bilancia dei Mondi divisi


Siete tutti invitati alla PRIMA presentazione letteraria de La bilancia dei Mondi divisi. Il primo capitolo della saga Gotica - Fantasy.
Ingresso GRATUITO
CONSUMAZIONE NON OBBLIGATORIA
ORA: 19.30

Per chi resta a cena( ne vale la pena)
MENU A 20 EURO ( acqua e bevande escluse): 
Due assaggi pasta cacio e pepe e amatriciana
Carne: tagliata o angus
Le prime dieci bottiglie di vino omaggio offerte da NOI.

E' possibile ordinare alla carta, ma bisogna che ci avvisiate.

La scelta della location è stata voluta a posta.
Danilo Del Curatolo in questi mesi ha sponsorizzato l'arte, senza chiedere mai nulla in cambio. Soldi, obbligo di pubblico, consumazioni... nulla. E direi che a noi fa piacere ricambiare e che non c'è posto migliore di questo. Un desiderio che ho da quando l'ho conosciuto e che per me è importante realizzare.

TRAMA

Sara Kilshore è un’adolescente che, dopo la perdita dei genitori, viene attaccata da una creatura misteriosa che solo lei sembra in grado di poter vedere. Per questo motivo, una volta a settimana, si reca nello studio di Isac, il suo psicologo. La sua famiglia, morta in strane circostanze, le ha fatto credere di avere un disturbo della memoria, causato da una caduta accidentale, ma l’incontro con Tobia la catapulterà in un mondo che pensava essere frutto della sua immaginazione e di cui ignorava l’esistenza. Demoni, spiriti e strane creature sono reali e le danno la caccia. Si affida a Tobia, l’unica persona che sembra crederle. Nemmeno il suo amico Daniele e suoi tutori l’ascoltano, la credono malata. Un viaggio a New York e l’incontro con la zia Claire, faranno chiarezza nel suo passato, facendole prendere atto che il destino dell’umanità è nelle sue mani. In passato qualcosa è andato storto e alcune anime malvagie vagano sulla terra. Il compito di Sara è rintracciarle e farle tornare da dove vengono. Tre mondi, tre porte, tre guardiani e tre chiavi. Queste sono le cose che le serviranno per ristabilire l’equilibrio tra tre dimensioni diverse. Un intreccio tra passato, futuro e presente, costringerà la protagonista a superare molte prove di coraggio e di forza, ma soprattutto la porteranno ad affrontare la lotta più difficile: quella contro se stessa.

PREZZO LIBRO: 14.00 EURO ( se acquistato in sala)
EBOOK: 2.99


Presentano: Teresa Pontillo e Fabio Varrone di ciaddnews.com
PRESENTI: Roma da Leggere